LA RITIRATA DI MADRID

Museo di Storia Naturale

Venerdì 7 settembre ore 21.00

Via Roma 234, Livorno 

Biglietti:

€ 12 intero
€ 10 ridotto over 65, soci ordinari Amici della Musica
€ 8 ridotto 5 - 16 anni, soci benemeriti Amici della Musica

Il costo del biglietto per il concerto include la possibilità di visitare gratuitamente le sale del Museo dalle ore 20.00.

Per il concerto è gradita ma non obbligatoria la prenotazione telefonando al 339 3422139 oppure all’indirizzo promozionelivornomusicfestival@gmail.com

La biglietteria apre alle ore 19:30 nel luogo del concerto.

Info:

livornomusicfestival.com - tel. 3393422139 

 

Andrea Dieci, chitarra

Giovani talenti del LMF

Pamela Tempestini e Sofia Morano, violini

Anna Gioria, viola

Francesca Gaddi, violoncello

 


 

Un programma dedicato alla chitarra e alla Spagna.

Fernando Sor riveste un ruolo di massima importanza nello sviluppo della tecnica chitarristica del XIX secolo, e il suo Méthode de Guitare ha costituito a lungo un punto di riferimento per i maestri dello strumento. La Sonata in do maggiore è piuttosto vicina alle composizioni per chitarra dei primi anni del XIX secolo, con i tratti stilistici tipicamente italiani dell'Overture.

De Falla ricevette la richiesta dalla rivista Revue musicale, di scrivere una composizione per commemorare il lavoro di Debussy. Nell'agosto del 1920 compose l'Homenaje, Piece de guitarre ècrit pour le tombeau de Debussy, subito eseguito da Andrés Segovia e Miguel Llobet, che si può definire come il brano che segna la nascita della letteratura chitarristica moderna, con il suo sapore intimistico e impressionista, costituisce una vera e propria rinascita, dopo l'oblio in cui era caduto lo strumento nel Tardo Romanticismo Ottocentesco.

Il Rondò op.129 è una composizione dal deciso carattere romantico con la quale Castelnuovo-Tedesco riprese a comporre per chitarra sola dopo il trauma dell'esilio. Era particolarmente legato a questa composizione tanto che dal punto di vista formale la considerava il suo "Rondò modello".

Breve ma magistrale il Rondò per tre chitarre che Paul Hindemith scrive nel 1925, sola e unica produzione chitarristica dell’autore. Un brano in cui l’asciutta discorsività del suo stile polifonico sembra tingersi di una lieve dolcezza.

La «Ritirata di Madrid», ovvero la musica che si ode di notte per le strade della capitale spagnola, dal tocco dell'«Ave Maria della Parrocchia» fino alla «Ritirata», quando i canti regionali del «Rosario» si mescolano alle danze popolari, alle melodie dei suonatori ambulanti e al suono delle «chitarrate».

 


 

Pamela Tempestini, Sofia Morano, Anna Gioria e Francesca Gaddi sono i giovani talenti selezionati per suonare con gli artisti in questa edizione del Festival.

 

Andrea Dieci

Ha studiato nella classe di Paolo Cherici al Conservatorio “G. Verdi” di Milano, dove si è diplomato nel 1989 con il massimo dei voti, la lode e la menzione speciale. Ha inoltre studiato con Oscar Ghiglia, dapprima ai Corsi dell’Accademia Musicale Chigiana di Siena (sempre con Diploma di Merito), successivamente alla Musikakademie di Basilea, conseguendovi il Solistendiplom nel 1992. Ha partecipato a masterclass tenute da Julian Bream. Ha vinto il 1° Premio ai Concorsi Internazionali di Gargnano, Lagonegro (dedicato alla musica per chitarra del XX secolo) e “De Bonis” di Cosenza, nonché il Premio Speciale della Giuria all’ARD-Musikwettbewerb 1989 di Monaco di Baviera. Definito “an impressive guitarist” dal Times Herald e “una vera star della chitarra classica” dal Corriere della Sera, ha tenuto centinaia di concerti per importanti istituzioni musicali in Europa, negli Stati Uniti, in America Centrale e del Sud, Asia e Africa, figurando nell’ambito di manifestazioni di rilevanza mondiale quali il Festival dei Due Mondi di Spoleto, il Festival Internazionale della Guitar Foundation of America (GFA) e il Festival Internazionale di Singapore, ed esibendosi in festival musicali a Londra, Madrid, Los Angeles, Tokio, Atene, Istanbul e altre importanti città. È dedicatario e primo esecutore di numerosi lavori di compositori contemporanei. Ha partecipato a programmi radiofonici e televisivi trasmessi da RAI, Radio Vaticana, Radio Nacional Española, BBC, Radio Televisione Svizzera Italiana ed Euroradio. Ha inciso numerosi CD per le etichette discografiche MAP, Nuova Era, Bèrben, DotGuitar e Brilliant Classics, tra cui figurano monografie su Manuel Maria Ponce, Nicola Jappelli e Astor Piazzolla (in duo col violinista Piercarlo Sacco). Di particolare rilevanza, l’incisione dell’opera completa per chitarra sola di Toru Takemitsu (MAP, 2004 - “Chitarra d’Oro” 2005 per il miglior disco dell’anno al Convegno Internazionale di Chitarra di Alessandria), dell’opera completa per chitarra sola di Heitor Villa-Lobos (MAP, 2009) e dell’opera completa per chitarra sola di Hans Werner Henze (Brilliant Classics, 2016 - “Chitarra d’Oro” 2017 per il miglior disco dell’anno al Convegno Internazionale di Chitarra di Alessandria). È l’unico chitarrista ad aver inciso le integrali di questi tre importanti autori. Il suo ultimo CD solistico è dedicato alle Sonate Complete per chitarra di Fernando Sor (Brilliant Classics, 2017). Apprezzato didatta, tiene masterclass e seminari per rinomate istituzioni musicali in vari paesi d’Europa, negli USA, in Messico, Brasile, Singapore e Giappone. È docente all’Istituto Superiore di Studi Musicali “Vecchi-Tonelli” di Modena-Carpi e ai corsi annuali di perfezionamento dell’Accademia “G. Regondi” di Milano. 

Suona una chitarra José Romanillos con corde Savarez.